Per gli Offerenti

Se devi realizzare un progetto imprenditoriale innovativo e per far questo vuoi utilizzare l'equity crowdfunding, offrendo al pubblico le azioni o quote rappresentative del capitale della tua società, ti invitiamo a leggere le seguenti informazioni che possono esserti utili per capire quello di cui hai bisogno per iniziare.

La tua società ha i requisiti per diventare offerente?

Per poter pubblicare un progetto imprenditoriale su un portale on-line di equity crowdfunding come questo, è innanzitutto necessario che la società in questione abbia la qualifica di:

  • piccola e media impresa, come definita dall’art. 2, paragrafo 1, lettera f), primo alinea, del Regolamento (UE) n. 2017/1129 del 14 giugno 2017, organizzata in forma societaria secondo il diritto di uno Stato membro dell’Unione europea o aderente agli accordi sullo Spazio Economico Europeo;
  • Strat-up innovativa, ai sensi dell'art. 25, II comma del D.L. n. 179/2012 (compresa la start-up a vocazione sociale e la start-up turismo);
  • PMI innovativa, ai sensi dell'art. 4, I comma del D.L. n. 3/2015;
  • l’organismo di investimento collettivo del risparmio (“OICR”) che investe prevalentemente in piccole e medie imprese;
  • società di capitali che investono prevalentemente in piccole e medie imprese.

 

Tali norme prevedono i requisiti che le società devono possedere per poter ottenere le suddette qualifiche, pertanto, se per esempio la tua società non è ancora nè una Strat-up innovativa nè una PMI innovativa, ma vuoi verificare se può diventarlo, ti invitiamo a consultare le sezioni del presente portale appositamente dedicate (Start-up innovative e PMI innovative), dove potrai trovare tutte le informazioni che ti servono.

 

Il contenuto dello statuto o dell'atto costitutivo della tua società è conforme alla disciplina sull'equity crowdfunding?

L'equity crowdfunding è disciplinato dal Regolamento Consob sulla raccolta di capitali di rischio tramite portali on-line (come esplicitato nella sezione del presente portale appositamente dedicata a cui si rimanda (Equity crowdfunding)), ed all'art. 24, I comma, lettere a) e b) prevede che, ai fini dell'ammissione dell'offerta di azioni o quote di capitale sociale sul portale, è necessario che lo statuto o l'atto costitutivo della società offerente preveda:

a) "il diritto di recesso dalla società ovvero il diritto di co-vendita delle proprie partecipazioni, nonchè le relative modalità e condizioni di esercizio nel caso in cui i soci di controllo, successivamente all'offerta, trasferiscano direttamente o indirettamente il controllo a terzi, in favore degli investitori diversi dagli investitori professionali o dalle altre categorie di investitori indicate al comma 2 che abbiano acquistato o sttoscritto strumenti finanziari offerti tramite portale. [...]";

b) "la comunicazione alla società, nonchè la pubblicazione dei patti parasociali nel sito internet della società".

Inoltre, per le sole società a responsabilità limitata, lo statuto o l'atto costitutivo deve prevedere espressamente che, in deroga a quanto previsto dal codice civile, le quote di partecipazione al capitale sociale possono costituire oggetto di offerta al pubblico di prodotti/strumenti finanziari, anche attraverso i portali on-line di equity crowdfunding.

Se lo statuto o l'atto costitutivo della tua società non contiene ancora le suddette disposizioni, puoi utilizzare comunque il nostro servizio, ma è necessario che ci rilasci una dichiarazione in base alla quale ti impegni a modificarlo, prima della pubblicazione dell’offerta sul portale.

Hai tutti i documenti/materiale necessari e possiedi le informazioni che devi fornire per poter pubblicare il tuo progetto?

La società, che vuole pubblicare un progetto imprenditoriale sul presente portale, deve fornire i seguenti documenti/materiali e informazioni, per consentire alla COFYP di valutarlo:

  • descrizione della società:
  • per le piccole e medie imprese: atto costitutivo e statuto; visura aggiornata CCIAA o altra documentazione comprovante la qualifica, per esempio l’iscrizione presso l’apposita sezione speciale del Registro imprese prevista per le Start-up innovative o le PMI innovative; indicazione del collegamento ipertestuale al sito internet della società; descrizione degli organi sociali e del curriculum vitae degli amministratori della società; relazione illustrativa dell’attività svolta dalla società, del progetto imprenditoriale che intende finanziare con i fondi raccolti tramite il portale e del relativo business plan; informativa contabile della società;
  • per gli OICR che investono prevalentemente in piccole e medie imprese, il collegamento ipertestuale al regolamento o statuto e alla relazione semestrale dell’OICR e al documento di offerta contenente le informazioni messe a disposizione degli investitori, redatto in conformità all’allegato 1-bis del Regolamento approvato con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modificazioni;
  • per le società che investono prevalentemente in piccole e medie imprese, la politica di investimento e l’indicazione delle società nelle quali detengono partecipazioni con indicazione del collegamento ipertestuale ai rispettivi siti internet;
  • descrizione dell'organo amministrativo e del curriculum vitae degli amministratori;
  • le caratteristiche, i diritti connessi ed il prezzo unitario degli stessi strumenti finanziari offerti, la quota minima di sottoscrizione, la natura irrevocabile dell'offerta, il suo corrispettivo totale e le eventuali condizioni cui l'efficacia della stessa soggiace;

  • durata del periodo di offerta, che non può comunque eccedere sei mesi;
  • indicazione se l’offerta è riservata esclusivamente ai c.d. investitori professionali;
  • descrizione delle clausole predisposte dalle piccole e medie imprese con riferimento alle ipotesi in cui i soci di controllo cedano le proprie partecipazioni a terzi successivamente all'offerta (le modalità per la way out dall'investimento, presenza di eventuali patti di riacquisto, eventuali clausole di lock up e put option a favore degli investitori ecc.) con indicazione della durata delle medesime, nel rispetto di quanto previsto dall'articolo 24;
  • ulteriori più specifiche informazioni eventualmente richieste dalla COFYP in relazione alle caratteristiche della società o dell’attività dalla medesima svolta ovvero del relativo progetto imprenditoriale.

Se hai qualche dubbio sui suddetti documenti/materiale o le informazioni in tuo possesso, oppure hai bisogno di un supporto per riuscire a reperirli, puoi contattarci via email all'indirizzo info@cofyp.com e troveremo il modo di aiutarti, anche attraverso i nostri partner e collaboratori.

In che cosa consiste il procedimento di selezione?

Come anticipato sopra, ogni progetto imprenditoriale deve essere valutato dalla COFYP per poter essere pubblicato e tale valutazione comporta una vera e propria procedura di selezione che la Start-up innovativa o PMI innovativa deve superare. Essa prevede essenzialmente due fasi, più una fase finale, che riportiamo di seguito (per approfondimenti si rimanda alla lettura dell'art. 4 dei "Termini e condizioni di utilizzo del portale").

- Fase n. 1: la prima fase, che spetta all’Amministratore unico, con eventualmente il supporto del professionista del Team esperto di Diritto societario, è dedicata alla verifica della sussistenza dei requisiti di Legge previsti per l’ammissibilità della singola offerta al portale;

- Fase n. 2: la seconda fase, invece, che riguarda la valutazione del progetto imprenditoriale ed è in particolare finalizzata a verificare se la società sia pronta ad essere immessa sul mercato, è affidata esclusivamente ai professionisti selezionali tra quelli del Team e consiste:

  • nella valutazione di merito della documentazione presentata;
  • nel colloquio motivazionale con il referente operativo del progetto imprenditoriale.

Al termine, essi emetteranno una votazione e relativa valutazione, e solo in caso di esito positivo il progetto potrà passare all'ultima fase.

- Fase finale: in tale fase i soci decideranno a maggioranza, sulla base del loro insindacabile giudizio, quindi a prescindere dall'esito positivo della precedente fase. 

E dopo le selezioni?

Se non supererai l'ultima fase delle selezioni, il tuo progetto non potrà essere pubblicato, ma non ti devi arrendere, perchè il giudizio dei soci non è da intendersi come una valutazione negativa delle potenzialità del progetto; pertanto, se vuoi, hai la possibilità di ripresentarlo successivamente e, magari, questa volta ce la farai.

Se, invece, riuscirai a superare anche quest'ultima fase, il tuo progetto verrà pubblicato sul portale e a quel punto non dovrai far altro che seguire l'andamento della raccolta, se necessario aggiornare le informazione e dialogare con gli investitori.

Alla scadenza della raccolta

Se non sarai riuscito a raccogliere il budget richiesto, forse il tuo progetto non ha convinto gli investitori.

Se, invece, raccoglierai l'intero budget, potrai finalmente realizzare il tuo progetto!

Ultimo aggiornamento 1 Settembre 2020